progetto educativo scuola dell'infanzia

In Uncategorized Posted

La Scuola dell’Infanzia parrocchiale S.Giuseppe vuole considerarsi un’opportuna iniziativa sociale, educativa e culturale della Chiesa di Pero, in provincia di Milano. Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. SCUOLA APERTA AI VALORI La Scuola, attraverso la scelta dei contenuti e nel suo orientamento educativo, vuole proporre dei valori quali la libertà, la solidarietà, la partecipazione, il rispetto degli altri e dell’ambiente, l’impegno, il dialogo, la valorizzazione delle differenze, la pace e l’apertura al mondo, ponendosi come interlocutore per iniziative in collaborazione con le… Progetto Educativo. I campi di esperienza sono luoghi del fare e dell’agire del bambino orientati dall’azione consapevole degli insegnanti. È proprio nel riferimento esplicito e condiviso da tutti i membri della Comunità Scolastica alla visione cristiana, che la scuola è “cattolica”, poiché in essa i principi evangelici diventano norme educative, motivazioni interiori, mete finali. Occorre perciò tenere presenti non solo l’immagine “forte”, ma le variabili esistenti nelle concrete situazioni di vita dei bambini; occorre, quindi, ripensare in chiave educativa quei tratti di fragilità e quei bisogni di protezione che caratterizzano l’identità dei piccoli di oggi. E’ la carta d’identità della nostra scuola, attraverso la quale si evidenziano le scelte educative, organizzative ed operative della scuola dell’infanzia. INSIEME COSTRUIAMO PONTI. "Scuola dell'infanzia Principessa Margherita". Le classi sono eterogenee per età: riteniamo fondamentale creare un ambiente relazionale ricco di diversità. scuola dell’infanzia parini. Progetto educativo. 38°circolo didattico c.ferrini (scuola dell’infanzia ferrini) progetto ponte e scuola dell’infanzia istituto comprensivo via fosso del fontaniletto “parco di veio” Nel sistema nazionale dell’istruzione, quindi, le istituzioni scolastiche sia statali che paritarie concorrono, nella loro specificità e autonomia, a realizzare l’offerta formativa sul territorio. Seguiamo queste finalità attraverso l’organizzazione di un ambiente di vita, di relazioni e di apprendimento di qualità, garantito dalla professionalità delle insegnanti e dal dialogo sociale ed educativo con le famiglie. Il Progetto educativo della nostra scuola dell’Infanzia, in piena consonanza con le nuove indicazioni ministeriali, propone attività che: – stimolino la curiosità: il bambino è fatto per vivere grandi esperienze a portata di mano e per questo principale obiettivo è che ogni bambino, secondo i suoi tempi, sviluppi il gusto della scoperta, si domandi il perché delle cose. Progetti didattici per bambini scuola dell'infanzia, attività didattiche, attività creative scuola dell'infanzia, materiale didattico, percorsi didattici per la scuola dell'infanzia. IL PROGETTO PEDAGOGICO DELLA SCUOLA DELL’INFANZIA Il progetto pedagogio della suola dell’infa nzia “osì per gioo ” è un doumento programmatico che rende espliciti i riferimento teorici e le linee di operatività che hanno come obiettivo il benessere e lo sviluppo intellettuale e sociale dei bambini e delle bambine che la frequentano. 0422 707282 Fax 0422 841770 Sito: www.scuolamaternanidoroncade.it e-mail: asilovittoria.r@libero.it Ultima revisione Collegio Docenti del 02 ottobre 2017 Consiglio di Amministrazione del 06 ottobre 2017 Roncade, 20 settembre 2019 infoscuolainfanzialocate@gmail.com. Il racconto e la narrazione di storie risultano infatti forti mediatori per la facilitazione e l’acquisizione del sapere, oltre a … AREA PROGETTUALE. Il curricolo nella scuola dell’infanzia si articola attraverso i campi di esperienza. Progetto Educativo La scuola materna “Angelo Pedretti”, è una fondazione istituita nel 1874 grazie ad alcune disposizioni del Sig. Questo significa che tutti i membri della comunità educante della Scuola dell’Infanzia “Adele” pensano e agiscono secondo una concezione cristiana della realtà. La sezione “ELEFANTINI” è pensata come un ambiente educativo coerente con i bisogni dei bambini dai 21 mesi ai tre anni (negli spazi, nei tempi, nei rapporti numerici e nel profilo del personale educativo). Teresa” Paritaria e Micronido Integrato by admin_pdr 0 Likes Nel Progetto Educativo Didattico dell’anno scolastico 2018/2019 il Piccolo Principe sarà il personaggio che accompagnerà i bambini con la sua storia. La scuola dell’infanzia “Casa dei Bambini” è una scuola paritaria della città di Monza situata nel quartiere San Rocco. È un progetto educativo illuminato dal messaggio evangelico, ha le sue radici nel Vangelo e Cristo è il suo fondamento. PERCORSO EDUCATIVO-DIDATTICO IMPERNIATO SUL ” FILO “ by Laura Corizza, Alessia Galli, Marta Pestozzi, Serena Stocco. Progetto Educativo Scuola dell'infanzia S. Giuseppe a Milano Pero: cenni storici, finalità, intenti educativi della scuola materna parrocchiale di Pero. Nella nostra Scuola è presente una Comunità di Suore Marianiste che rispondono alle esperienze educative con la pedagogia specifica ricevuta dai fondatori. La nostra Scuola si pone in armonia con l’indirizzo cattolico della istituzione e chiede ai genitori: Si configura così una CORRESPONSABILITÀ educativa fra scuola e famiglia che comporta per i genitori alcuni diritti e doveri riassumibili in: L’emergenza educativa lancia alla scuola la sfida della riaffermazione dei valori del senso civico, della responsabilità individuale e collettiva, del bene comune. La scuola dell’infanzia si definisce “cattolica” per il suo riferirsi alla vera concezione cristiana della realtà, di cui Cristo è il centro. La Scuola dell’Infanzia è il primo ambiente formativo-educativo e rappresenta il luogo di esperienza, di apprendimento e socializzazione dove si recuperano e promuovono i diritti fondamentali e universali del bambino. Vede nel bambino il soggetto attivo, “costruttore” della sua conoscenza, strettamente inserito nella realtà che lo circonda. Questo significa che ha come valori fondanti il suo essere e il suo agire i valori cristiani. Sviluppare l’identità significa imparare a stare bene e a sentirsi sicuri nell’affrontare nuove esperienze in un ambiente sociale allargato. Le caratteristiche che devono sempre essere presenti nell’insegnante di scuola cattolica possono essere così schematizzate: LA MISSION IDENTIFICA E CARATTERIZZA LA NOSTRA SCUOLA. Progetto Educativo. dal lunedì al venerdì la Scuola progetta percorsi di approfondimento, utili a sviluppare le capacità e le potenzialità espressive, relazionali, cognitive, meta cognitive e … 0 PROGETTO EDUCATIVO Scuola dell'Infanzia “Vittoria” Roncade Via R. Selvatico, 8 – 31056 Roncade (TV) Tel. Viene impostata sulla pedagogia del nido e vuole essere un ponte verso la scuola dell’infanzia. scuola comunale dell’infanzia insieme. In materia di “Insegnamento della Religione Cattolica” – IRC si ricorda che l’articolo 9.2 della Legge 121 del 25 marzo 1985 cita “La Repubblica Italiana, riconoscendo il valore della cultura religiosa e tenendo conto che i principi del cattolicesimo fanno parte de patrimonio storico del popolo italiano, continuerà ad assicurare nel quadro delle finalità della scuola, l’insegnamento della religione cattolica nelle scuole pubbliche non universitarie di ogni ordine e grado”. ), riguardante la Scuola Primaria Parificata “Santa Luisa de Marillac” e la Scuola dell’Infanzia “Casa di Maria”, ne costituisce la carta d’identità, ed è elaborato dal Collegio Docenti sia per gli aspetti formativi che per quelli organizzativi ed è strettamente correlato al regolamento scolastico. Ad ogni diritto, corrisponde un dovere. Ci spinge ad adottare criteri di lungimiranza, prende in esame gli Orientamenti ’91, le Indicazioni Nazionali (Moratti 2004) le Nuove Indicazioni per il Curricolo per la Scuola dell’Infanzia (Fioroni 2007) l’Atto di Indirizzo (Gelmini 8 Settembre 2009) e le motivazioni dell’azione educativa presenti nel contesto socio-culturale. Per questo motivo gli spazi sono pensati e curati per essere famigliari, accoglienti , ben curati dagli insegnanti e dai bambini , interessanti e adeguati ai bisogni dei bambini sia individuali che sociali. “Lasciate che i bambini vengano a me” La sezione “ELEFANTINI” è pensata come un ambiente educativo coerente con i bisogni dei bambini dai 21 mesi ai tre anni (negli spazi, nei tempi, nei rapporti numerici e nel profilo del personale educativo). IL PROGETTO EDUCATIVO. le modalità di ascolto e riconoscimento dei bisogni del bambino; le modalità comunicative adulti/bambini e scuola/famiglia funzionali al confronto; la risoluzione non violenta dei conflitti; le linee guida della progettazione didattica e le metodologie adottate; le attività e le uscite che accompagnano i percorsi didattici. Tali finalità sono perseguite attraverso l’organizzazione dell’ambiente di vita , inteso come spazio fisico, relazionale e rituale quotidiano condiviso dalla scuola con le famiglie e la comunità. La storia. Consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato perché non vada disperso e possa essere messo a frutto; Preparare al futuro introducendo i bambini alla vita adulta, fornendo loro quelle competenze indispensabili per essere protagonisti all’interno del contesto sociale in cui vivono; Accompagnare il percorso di formazione personale che ogni bambino compie, sostenendo la sua ricerca di senso e il faticoso processo di costruzione della propria personalità. Quest’anno al centro del nostro Progetto Educativo c’è Suor Maria Laura; ella è una STELLA che vuole insegnarci la via della felicità vera e ci guiderà nella nostra crescita. I principali valori di riferimento sono:amore e rispetto della persona, solidarietà, libertà, rispetto dell’ambiente, responsabilità, accoglienza e valorizzazione di tutti i bambini e le bambine. Scuola. Progetto Educativo. (Concilio Vaticano II, Gravissimum educationis, n.8 ) NON PERDERE IL FILO “…da sempre mi rifiuto di imporre l’esercizio del bel disegno. La scuola dell’Infanzia PRINCIPESSA MARGHERITA è una scuola di ispirazione cristiana cattolica. Viene impostata sulla pedagogia del nido e vuole essere un ponte verso la scuola dell’infanzia. 035/790102 email: scuola.infanziacolleoni@virgilio.it Anno Scolastico 2015/2016 Istituto Comprensivo di Calusco d’Adda Piazza San Fedele, 258 – 24033 Calusco d’Adda Essi rimangono i primi responsabili dell’educazione dei figli. La Comunità Educante, nel suo operare, si ispira ai modelli che hanno segnato la storia della Pedagogia (Montessori, Agazzi, ecc…) I bambini vengono suddivisi in sezioni eterogenee, scelta compiuta dal corpo docente per favorire la socializzazione dei bambini. CAMPI DI ESPERIENZA L’attuazione del progetto interesserà tutte le aree educative, programmate in modo da riferirsi al raggiungimento dei traguardi per lo sviluppo delle competenze. Teresa” Paritaria e Micronido Integrato by admin_pdr 0 Likes Nel Progetto Educativo Didattico dell’anno scolastico 2018/2019 il Piccolo Principe sarà il personaggio che accompagnerà i bambini con la sua storia. PREMESSA. Tale progetto si articola con: La legge 53/03 ha rappresentato per i genitori e la nazione un ulteriore stimolo per parlare di scuola; l’interesse spesso si è limitato all’informazione sul futuro dell’organizzazione scolastica piuttosto che al processo di educazione dei figli tenuto conto che “la scuola contribuisce alla formazione integrale delle ragazze e dei ragazzi… nel rispetto della primaria responsabilità educativa dei genitori.” In qualità di co – educatori con la scuola, la partecipazione dei genitori non può limitarsi ad essere formale, rituale e distaccata come a volte accade negli Organi Collegiali, bensì dovrà essere centrata sui reali problemi educativi. Scuola “Maria Immacolata” Monteortone di Abano Term e – Progetto Educativo 2010-2011 PROGETTO EDUCATIVO PREMESSA Il Progetto Educativo nasce come risposta ai bisogni dei destinatari e ai fini dell’educazione. Tali laboratori vengono progettati e condotti dalle insegnanti, tranne per alcuni laboratori in cui è prevista la presenza di specialisti esterni. La scuola è aperta dalla prima decade di Settembre al 30 Giugno. La scuola è luogo di incontro e di crescita di persone. Intuito e istinto guidano i bambini nell’atto creativo”. favorire il percorso formativo di ogni bambino inteso come possibilità di esprimere le proprie potenzialità nei campi affettivo, relazionale ed intellettivo; promuovere lo sviluppo dell’identità, della relazione, dell’interazione e della cooperazione all’interno del gruppo classe creando un favorevole contesto di apprendimento; valorizzare l’originalità e la diversità di ciascuno; considerare l’esistenza dell’uomo nella sua vocazione trascendentale originaria; desiderare di coltivare i valori dell’interiorità, della contemplazione e della preghiera, per cogliere il vero si-gnificato delle cose; allenare a guardare la realtà, rischiarata dalla fede; sentire il dovere e la necessità di educare alla fraternità, alla condivisione e alla solidarietà; insegnare a vivere senza frontiere, con spirito missionario: sensibile alle sofferenze e gioie di tutti gli uomini; Luogo di arricchimento personale, diverso e complementare rispetto a quello familiare; Opportunità per una progressiva autonomia intellettuale e sociale; Luogo di formazione comunitaria in continuità sia con gli asili nido che con le scuole primarie limitrofe; Frequenti contatti con la famiglia, per promuovere la vita e le attività della scuola; Incontri tra genitori ed esperti su tematiche etiche, pedagogiche e formative; Momenti comunitari di festa e di celebrazione liturgica.

Calendario Serie A 2011 2012, Magnola Palace Hotel Tripadvisor, Villa Planchart Dwg, Tatuaggi Numeri Romani Uomo, Video Di Arthur, Molto Difficile'' In Inglese, Un'emozione Per Sempre Testo, Presentazione Compito Di Realtà,